Postel è Conservatore accreditato dall’Agenzia per l’Italia Digitale

 

5 diembre 2016

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha ufficialmente riconosciuto a Postel il ruolo di Conservatore accreditato.

Il  Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs n. 82/2005), all’art. 44-bis, riconosce ai soggetti che svolgono attività di Conservazione digitale la possibilità di chiederne l’accreditamento all’Agenzia per l’Italia Digitale. Postel ha superato con successo il processo di accreditamento in ragione dell’adozione dei più elevati requisiti di qualità e sicurezza nella conservazione dei documenti informatici.

Si tratta di un importante riconoscimento che vede Postel rientrare nella lista dei primi Conservatori accreditati.
Le Pubbliche Amministrazioni possono affidare in outsourcing i processi di conservazione solamente a soggetti conservatori accreditati, come previsto dal comma 3 dell’art. 5 delle Regole tecniche.

I prerequisiti richiesti dall’ AgID per poter essere accreditati sono garanzia di affidabilità e competenza dell’azienda certificata. Tra questi si possono citare:

  1. dimostrare l’affidabilità organizzativa, tecnica e finanziaria necessaria per svolgere l’attività di conservazione;
  2. utilizzare personale dotato delle conoscenze specifiche, dell’esperienza e delle competenze necessarie per i servizi forniti: in particolare della competenza a livello gestionale, della conoscenza specifica nel settore della gestione documentale e conservazione documenti informatici e che abbia dimestichezza con le procedure di sicurezza appropriate e che si attenga alle norme del CAD e al DPCM 3 dicembre 2013 recante le regole tecniche in materia di sistema di conservazione;
  3. applicare procedure e metodi amministrativi e di gestione adeguati e conformi a tecniche consolidate;
  4. utilizzare sistemi affidabili e sicuri di conservazione di documenti informatici realizzati e gestiti in conformità alle disposizioni e ai criteri, standard e specifiche tecniche di sicurezza e di interoperabilità contenute nelle regole tecniche previste dal CAD;
  5. adottare adeguate misure di protezione dei documenti idonee a garantire la riservatezza, l’autenticità, l’integrità e la fruibilità dei documenti informatici oggetto di conservazione, come descritte nel manuale di conservazione, parte integrante del contratto/convenzione di servizio.

Per maggiori informazioni sui nostri servizi di Gestione documentale e per trovare la soluzione più adatta alla vostra azienda non esitate a contattarci.