Governance

 

 

Postel S.p.A. è partecipata in via totalitaria da Poste Italiane S.p.A.

Il modello di Governance adottato da Postel è quello "tradizionale" caratterizzato dalla presenza di due diversi organi, per la gestione e per il controllo della società: il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale.

La Revisione Legale dei Conti è affidata ad una Società di Revisione.

L'insieme di regole che disciplinano il funzionamento dell'Azienda è costituito dal suo Statuto, dal Modello Organizzativo 231 e dal Codice Etico.

La Politica Aziendale del Gruppo concernente la tutela e la protezione dei Diritti Umani, ribadisce quanto già esplicitato all’interno del Codice Etico circa le regole di condotta da osservare nei rapporti con tutti gli stakeholder con cui interagisce la Società. In particolare, l’Azienda si impegna a tutelare i diritti di tutti coloro che sono ricompresi all’interno della propria catena del valore, con particolare attenzione verso specifiche categorie, quali lavoratori propri, donne, bambini, persone indigene, migranti, lavoratori esterni, comunità locali, fornitori e partner, clienti, persone con disabilità, persone vittime di discriminazione e qualsivoglia forma di violenza.
A complemento del Codice Etico, l’Azienda si è dotata di una Politica Integrata di Gruppo, che rispecchia e documenta l’impegno assunto verso tutti i suoi stakeholder, per migliorare le proprie prestazioni e, allo stesso tempo, costruire e sviluppare relazioni di fiducia con gli stessi all’interno di un percorso di generazione e condivisione di valore per l’Azienda nonché per le comunità in cui opera, in un’ottica di continuità e di conciliazione dei relativi interessi.

Postel S.p.A.​ detiene il controllo della Società Address Software Srl e la partecipazione di Consorzio Logistica e Pacchi.


 Politica Aziendale in materia di tutela e protezione dei Diritti Umani

 Politica Integrata del Gruppo Poste Italiane